Cerca nel blog

martedì 3 febbraio 2015

L'insostenibile leggerezza... dell'erbazzone

Bentornati nella mia cucina, oggi i puristi della cucina reggiana saranno pronti ad attaccarmi...vi presento la versione leggera dell'erbazzone o scarpason, tipico della zona di Reggio Emilia.
Ho già postato la ricetta originale che ho imparato ad uno dei miei corsi di cucina, la trovate qui, ma visto che mio figlio ne va ghiotto ho deciso di provare questa versione, così da potergli offrire una merenda sana ma gustosa allo stesso tempo anche una volta in più!
La ricetta è delle sorelle Braglia, che non ho ancora avuto l'onore di conoscere personalmente, ma che ho recentemente scoperto grazie ad un'amica.
E questa è la prima loro ricetta che provo...un poco di emozione...ma soprattutto una riuscita al primo colpo!
Provatelo, è eccezionale!

Ingredienti:

per la pasta

150 gr di farina zero
150 gr di farina integrale (o 300 gr di farina semintegrale)
4 cucchiai di olio evo
sale marino integrale
acqua qb

per il ripieno

500 gr di spinaci gia puliti (o bietole)
3 scalogni o 1 porro o 3 cipollotti
200 gr di ricotta
150 gr di parmigiano reggiano
pane grattato qb
olio evo qb

Procedimento:

Per prima cosa ho preparato la pasta. Mi sono aiutata col bimby, ma ovviamente si può impastare a mano o in planetaria.
Ho inserito la farina, l'olio ed il sale. Ho azionato il robot e a filo ho inserito acqua sino a che il composto ha preso consistenza e si è formata la palla. Ho rovesciato sul piano leggermente infarinato e ho lavorato l'impasto a mano per un paio di minuti sino ad ottenere un palla liscia e morbida. Ho coperto con pellicola e ho tenuto da parte (nel mio caso ho messo l'impasto fuori dalla finestra perché avrei assemblato il tutto dopo qualche ora).
A questo punto mi sono dedicata al ripieno. Ho appassito gli scalogni con poco olio in una padella piuttosto grande, poi ho inserito in tre volte gli spinaci, che a mano a mano che cuocevano si restringevano. Ho salato per far rilasciare acqua e ho cotto sino ad assorbimento di questa, il tutto è durato circa 10 minuti.


Grazie al mio abbattitore ho subito messo a raffreddare gli spinaci e dopo circa 20 minuti ho potuto utilizzarli per il ripieno. Prima però li ho sminuzzati grossolanamente a coltello.
Ho aggiunto ricotta e parmigiano e mescolato. Non ho avuto bisogno di aggiungere pangrattato, ma se il vostro ripieno risultasse troppo morbido aggiungetene poco alla volta e regolatevi di consistenza. Ho lasciato riposare il ripieno un paio d'ore in frigorifero per far amalgamare tutti i sapori.
Accendete ora il forno a 180°. nel mio caso ho usato la funzione ventilato.
Prendete la pasta, dividetela in modo tale di ottenere una palla più grande ed una un po più piccola e iniziate a tirare quella più grande al matterello in una sfoglia rettangolare sottile.
Ho versato il ripieno lasciando un centimetro da tutti i lati.




Stendere l'altra pallina in una sfoglia ancora più sottile, e adagiarla sopra al ripieno facendo attenzione a non lasciare aria quindi ripiegare i bordi e sigillarli con i rebbi di una forchetta.


Forare sempre con la forchetta tutta la superficie.
Infornare per circa 30 minuti. Per chi dispone di un abbattitore di temperatura, abbattere immediatamente per circa 1 ora in positivo, porzionare e abbattere in negativo, cioè surgelare, così da avere sempre pronta una porzione da scongelare e offrire.

Qui appena sfornato e abbattuto in Fresco per una migliore conservazione!





4 commenti:

  1. Ma quanto è bello e invitante! Brava Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lucia! In effetti è buonissimo!

      Elimina
  2. wowwww! Mi piace da impazzire l'erbazzone!
    Devo provare il tuo!

    RispondiElimina